Return to Website

Mosè and Maria Pia's Language and Music Forum

Welcome to our forum.

Feel free to write about anything regarding Music, or let us enjoy your poems or stories. 

Benvenuti al nostro forum.

Vi invitiamo a scrivere sulla Musica oppure sui vostri racconti o poesie.

Forum: Mosè and Maria Pia's Language and Music Forum
Start a New Topic 
   Board|Threaded
Author
Comment
Le parole degli autori - L.van Beethoven

Quello che scrivono gli autori, i commentatori o anche mani anonime sulle partiture .
----------------
Iniziamo da
Ludwig van Beethoven
Sonata per pianoforte op. 110
(le diciture sono in italiano, quelle riportate in tedesco nel manoscritto, non sono originali, ma suggerimenti)
-----------------
- "Moderato cantabile, molto espressivo" è il classico primo tempo , con i due temi, uno sviluppo importante, grande ,musica. Segue il secondo tempo, in genere in 3/4 , tempo di minuetto o ,come capita nel Nostro autore, come Scherzo, più veloce e drammatico.

-Il secondo tempo di questa sonata è "Allegro molto"in 2/4 invece del tradizionale tempo ternario. Come di tradizione a questo punto c'è un adagio, ma quale adagio ci aspetta!!!! ecco il grandioso terzo tempo seguito dalla fuga, composizione autonoma , che L.van, B, inserisce, solo come lui sa fare, in una sonata.

- Il terzo tempo apre con la dicitura "Adagio, ma non troppo" . Alla quarta battuta, cioè dopo 1 o 2 secondi troviamo nell'ordine, tutto in una battuta: recitativo, "Più adagio" e , dopo 12 note la scritta " Andante" qui ora ci introduciamo in un altro andamento la quinta battuta,"Adagio" discussa dagli interpreti per i ribattuti legati, suonare oppure no la seconda nota del gruppo di due note uguali legate e tenute fino ad un piccolo crescendo per poi rallentare in crescendo, , man mano spegnersi fino al Cantabile da eseguire sulla "corda" fino al "meno adagio."Così abbiamo esattamente l'indicazione di come fare ad esecuire senza incorrere in esecuzioni abborracciate e volgari. Ricordiamoci che all'epoca non c'erano registratori, tantomeno radio e televisori. Eccoci finalmente arrivati al cuore di questo meraviglioso tempo con un "Adagio ma non troppo", che introduce il tema con un terzinato di note e accordi ribattuti fino al celebre "Arioso dolente, Klagender Gesang" ( nel ms non di pugno di Beethoven)

- Fuga -allegro,ma non troppo.(*) Dopo la fuga entra di nuovo l'arioso con la dicitura "Lo stesso tempo dell'Arioso". Dopo il terzinato di introduzione leggiamo Ermattet , Klagend - perdendo le forze, dolente.Il tema dell'arioso viene riproposto con varianti, la melodia ora è molto respirata, è veramente "dolente", quasi un pianto che va a spegnersi per poi riprendere con degli accordi in "crescendo" con (**)pedale tenuto, autografo, per arrivare a "L'istesso tempo della fuga e poi a poi di nuovo vivente", riferito al tempo della fuga e non al volume, già indicato con (****)"sempre una corda".La fuga questa volta ri-compare come "Inversione della fuga", in cui il tema è rovesciato (fiamminghismo, processo compositivo in uso già all'epoca dei compositori fiamminghi).

"Meno allegro", la fantasia si scatena, i temi che erano espressi in quarti e ottavi ora diventano sedicesimi e trantaduesimi,e, dopo lo stretto finale si arriva ad una esplosione di gioia con il tema della fuga messo in grande rilievo. A questo punto segnalo anche ciò che dice il revisore, Artur Schnabel, che ha costellato di minuscole e abbondanti noticine tutta l'edizione delle Sonate per pianoforte di L. van Beethoven.
"sempre appassionato";"espressivo, ma non allargare"; "sempre più entusiastico, ma non stringere", raccomanda infine di "non accelerare" il grande arpeggio finale, da eseguire con grande forza, ma non in accelerando.

Email   www.concertodisogni.com